Skip to main content

Le tue Vacanze in Montagna per l’estate 2024 trascorrile in Valsesia!


Articolo scritto il 19 Marzo 2024

Storia, tradizioni, natura incontaminata, sport, attività sportive, parchi giochi in quota, strutture ricettive, enogastronomia locale e attrazioni per tutti: questa è l’Esperienza Valsesia, cosa aspettate? Venite a trovarci!

Se state cercando una vallata di montagna dove andare in vacanza in famiglia, con la persona che amate o con i vostri migliori amici durante l’estate, la Valsesia è la destinazione giusta per voi. La nostra splendida valle sorge ai piedi del Monte Rosa, seconda montagna più alta d’Italia, che nelle primo ore del mattino e poco prima del calar della sera restituisce scorci unici con colori mozzafiato che ne rimarcano il nome. Grazie al suo territorio ampio e variegato, è possibile vivere esperienze di ogni genere in base alle proprie attitudini e ai propri desideri.

La Valsesia include, nella parte collinare, il territorio di Gattinara che, con i suoi vitigni, è conosciuta in tutto il mondo e dove, per gli amanti del buon vino e delle passeggiate in natura, anche in bici, è possibile organizzare delle giornate immersi tra le vigne, con la vista di paesaggi mozzafiato e con delle tappe nelle ottime cantine per degustare le eccellenze enogastronomiche della valle.

Nella vicina cittadina di Romagnano Sesia, su di una collina denominata Monte Cucco, nello splendido contesto di un parco con alberi secolari, troviamo Villa Caccia, opera di Alessandro Antonelli e, oggi, sede il Museo Storico Etnografico della Bassa Valsesia, che racconta tradizioni, cultura e storia della zona della Bassa Valsesia e delle Colline Novaresi.

Risalendo il fiume Sesia, nelle periferie di Borgosesia, possiamo visitare un parco naturale diffuso HABITAT – sui sentieri di Casa dove, attraverso dei percorsi narrativi esperienziali fondati sul tema della CASA possiamo avvicinarci al territorio con un atteggiamento slow e più personale. Gli itinerari sono studiati principalmente per le famiglie, ma possono essere fruiti da tutti coloro che amano sentirsi parte integrante della natura che li circonda e che vogliono scoprirne le caratteristiche più vere, insieme alla loro storia e al folklore. Le visite possono svolgersi in autonomia oppure con visita guidata.

Tra Roccapietra e Quarona, percorrendo il sentiero CAI n. 624, si giunge ad una piccola conca, dove sorge il Lago di Sant’Agostino divenuto famoso per i tanti rospi che possiamo ammirare sulle sue sponde, specialmente nelle giornate comprese tra la Domenica delle Palme e il Venerdì Santo, momento culminante della riproduzione.

A Varallo, il più importante centro d’arte e di storia della valle, ci ritroviamo immersi tra musei, chiese, palazzi antichi, il tutto fruibile semplicemente passeggiando tra il centro storico e le sue suggestive contrade. Non può mancare una visita al Sacro Monte di Varallo, patrimonio UNESCO che gode di una vista privilegiata su Varallo e dintorni. La grande novità del 2024 è l’escape room allestita presso il Palazzo dei Musei dal nome “VARADE. Ritorno al passato” dove, attraverso indizi ed enigmi da risolvere si svela, a poco a poco, la storia della cittadina e dello stesso museo, ma bisogna essere veloci, avete solo 90 minuti di clessidra a disposizione! I gruppi sono formati da un minimo di 2 ad un massimo di 8 giocatori, è quindi un’attività fruibile da tutti, a partire dai 15 anni di età.

Da Varallo si può intraprendere un viaggio nella valle più selvaggia della nostra zona, la Valmastallone. Il torrente, da cui prende il nome, è caratterizzato da profonde gole e punti panoramici con rocce ripide e aree boschive. Inoltre, è un corso d’acqua perfetto per gli amanti della pesca e richiama molti sportivi da ogni parte del mondo. Tra le più importanti attrazioni, salendo la valle, troviamo il Ponte della Gula, costruito nel medioevo e luogo misterioso, oggetto di leggende e racconti tramandati nei secoli.

Addentrandosi nella valle, incontriamo il paese di Fobello, paese natale di Vicenzo Lancia, fondatore dell’omonima casa automobilistica. Il paese ospita la Mostra permanente Vincenzo Lancia e il Museo del Puncetto valsesiano, oltre ad un centro caratterizzato da ville storiche e vicoli assai suggestivi. Salendo poi a Cervatto troviamo un centro storico ricco di ville signorili, tra cui il Castello, eretto in posizione panoramica con vista sull’intera vallata.

Prima di giungere a Fobello, prendendo la strada di destra, in poco tempo si raggiunge Rimella, una delle più antiche colonie Walser della Valsesia. Il paese è suddiviso in un grande numero di frazioni ed è caratterizzato piccoli agglomerati urbani immersi tra verdi prati e ricchi boschi.

Seguendo il sentiero CAI n.517, partendo da Fobello, si giunge in circa 2h 30 minuti di cammino il Lago Baranca, dove oltre allo splendido specchio d’acqua alpino è possibile ammirare i resti di Villa Aprilia, appartenente alla famiglia Lancia e distrutta in tempo di guerra.
Scopri la Valmastallone >

Da Varallo prosegue anche la strada provinciale che a Balmuccia si divide dando accesso all’Alta Valsesia e alla Valsermenza. Da qui il paesaggio cambia e la quota aumenta notevolmente man mano che si prosegue verso le cime del Monte Rosa. Il fiume Sesia che ci ha accompagnati in tutto il nostro viaggio e che inizia il suo corso nel paese di Alagna, è tra i fiumi più frequentati dagli amanti degli sport fluviali come rafting, canyoning, hydrospeed e sono molte le scuole con guide professioniste che vi possono accompagnare alla scoperta del nostro particolare fiume e dei suoi affluenti.

Da Balmuccia origina anche la pista ciclabile della Valsesiapista ciclabile della Valsesia che percorre tutto il territorio e termina ad Alagna, si tratta di un percorso molto apprezzato anche dalle famiglie, anche grazie alla possibilità di noleggiare delle e-bikes e di essere accompagnati da guide esperte del territorio.

Da Scopello è possibile raggiungere in seggiovia o in auto, l’Alpe di Mera che, con i suoi sentieri, i percorsi per bike ed e-bike, l’ottima offerta enogastronomica e i suoi parchi giochi, è in grado di soddisfare qualsivoglia esigenza e riesce a donare dei ricordi unici e sensazionali! Da qui la vista sulle montagne è un vero spettacolo, in ogni momento della giornata!

A Rassa, piccolo ma splendido borgo della “Valle dei Tremendi”, è possibile visitare, su prenotazione, la Segheria di Brasei, un’antica segheria ad acqua, oggi ecomuseo, ma che potrebbbe ancora essere messa in funzione. Nel mese di agosto qui si svolge la Sagra del Mirtillo e durante l’anno si producono delle ottime grappe, ormai molto conosciute ed apprezzate anche al di fuori della valle.

Nel paese di Mollia, invece, al Caffè della Mostra è visitabile un’esposizione con documenti, fotografie, oggetti e strumenti di lavoro in uso nei secoli scorsi nel territorio valsesiano. La mostra è stata curata da Silvano Demarchi, falegname locale che, in alcune occasioni, accompagna personalmente i turisti in visita, trasmettendo grandi emozioni attraverso i suoi racconti che parlano di passato e tradizione della Valsesia più autentica. In una piccola frazione sorge il Mulino Fucina, anch’esso restaurato ad opera di Silvano, dove è possibile vedere forno, maglio, macine e un’architettura intatta e conservata nei dettagli. Il Mulino è visitabile su prenotazione. Se siete amanti della birra e volete assaggiare dei prodotti unici, realizzati con piccole perle locali, vi consigliamo una sosta per la degustazione da Z’Am Steg, un birrificio artigianale dove i sapori della valle si uniscono e danno vita a gusti unici e particolari che sanno accontentare anche i palati più sofisticati.

Da Riva Valdobbia si può raggiungere la Val Vogna, caratterizzata dal suo ambiente naturale intatto, dagli ampi prati verdi, dai folti boschi, dai piccoli specchi d’acqua e, soprattutto, dai tanti borghi Walser che troviamo lungo il cammino. Di grande interesse è il Sentiero delle Frazioni il cui percorso, nel primo tratto, è quasi pianeggiante e facilmente percorribile da tutti fino alla località S. Antonio. Da qui inizia il Sentiero delle Frazioni Alte, più ripido ma ricco di arte e architetture tipiche della cultura Walser, che termina alla frazione Montata. Lungo il percorso, in frazione Rabernardo, è possibile visitare, previa prenotazione, il Museo Etnografico Walser, dove sono riprodotti ambienti ricchi di oggetti e testimonianze dell’antica cultura valliva.

L’ultimo paese che incontriamo è Alagna Valsesia, in origine Im Land, dal dialetto dei Walser, antica popolazione giunta in Valsesia nel XIII secolo. Alagna è ricca di frazioni, detti villaggi che conservano l’architettura e la storia del pease. Di facile percorrenza e molto suggestivo è il Giro delle Frazioni, una camminata che tocca alcuni dei luoghi più peculiari ed interessanti di questa località. In particolare, a Pedemonte, si trova Il Museo Walser, che si raggiunge attraversando il piccolo borgo tra strette vie e case storiche. La casa è disposta su tre piani e al suo interno troviamo i classici ambienti che componevano le antiche dimore dei Walser, con molti oggetti e abiti d’epoca. Tra le attività sportive spiccano l’arrampicata, il parapendio e le camminate tra i verdi prati per raggiungere i rifugi dislocati in tutto il comune. Sulla vetta della Punta Gnifetti sorge la Capanna Regina Margherita, il rifugio più alto d’Europa, che richiama ogni anno un gran numero di alpinisti e di appassionati di ascensioni.

La Valsermenza o Val Pitta, seconda valle laterale della Valsesia, si imbocca a Balmuccia ed è costituita da un paesaggio ricco di boschi e prati, intervallati dai piccoli borghi montani che si incontrano lungo la salita.

Il primo paese che si incontra, con una piccola deviazione, è Rossa, detta la Riviera della Valsesia per la sua posizione privilegiata e la veduta su tutta la valle sottostante. Da qui partono un gran numero di sentieri, di varie difficoltà, che possono accontentare proprio tutti, dalle famiglie, alle coppie, ai gruppi di sportivi più esperti.

Proseguendo, invece, sulla strada principale, si giunge a Boccioleto, riconoscibile grazie alla sua Torre delle Giavine, un monolite assai amato dagli amanti dell’arrampicata e un punto di riferimento per tutti coloro che vengono in visita in valle. Boccioleto è ricca di sentieri dell’arte nei quali, lungo i vari percorsi, si incontrano antiche cappelle, edicole ed oratori affrescati.

A Rimasco ci accoglie un piccolo ma colorato specchio d’acqua dove gli amanti della pesca sportiva accorrono dalla primavera all’autunno. Da non perdere un giro sul Fun Bob più ripido d’Europa, un pernotto inusuale nelle StarsBOX dell’Alpe Campo e una bella escursione nel borgo storico della Dorca, sentiero CAI n.367, dove troviamo molte testimonianze della colonizzazione Walser della zona. Il 16 di agosto si festeggia la sagra della Miaccia, una specialità valsesiana che non ha eguali in nessun altro luogo, nemmeno del Piemonte.

Risalendo il corso del torrente Sermenza arriviamo a Rima, il paese più alto della Valsesia. Di grande rilevanza storico – artistica sono certamente la Gipsoteca Pietro della Vedova e il Museo del Marmo artificiale, raggiungibili a piedi passeggiando tra le splendide vie e le piccole piazze dell’abitato di Rima. Da qui partono anche molti sentieri, di varie difficoltà, che collegano Rima con le valli limitrofe e passa anche la G.T.A. Molto interessante è la Festa della Patata che si svolge nel mese di settembre di ogni anno.

Percorrendo, invece, la strada lungo il torrente Egua troviamo il paese di Carcoforo sorto in una splendida conca naturale circondata da larici e abeti e sede del Museo Naturalistico del Parco Naturale Alta Valsesia. Anche da qui è possibile raggiungere a piedi le altre vallate, passando per rifugi e bivacchi che restituiscono scorci magnifici.

Per quanto riguarda i prodotti tipici, in Valsesia non ci manca proprio nulla! Abbiamo dell’ottima toma di vacca e di capra, formaggi freschi come ricotte, stracchini, primosale, salami di vacca e, la nostra perla, la Mocetta Valsesiana. Molti sono i giovani che hanno deciso di ricominciare a panificare e a creare prodotti di qualità come i pani antichi con grani ricercati e poco raffinati. In Valmastallone si coltiva lo zafferano, con il quale vengono realizzati prodotti come la birra e il miele, oltre alla produzione di aceto di mele e di noci. Sempre in questa valle un’azienda agricola ha avviato un’attività di coltivazione di erbe officinali e spezie per realizzare tè, tisane, infusi e aromi per cucina. Non mancano le produzioni di dolci e biscotti tipici locali e agricoltori che coltivano tutti i propri campi solo sul territorio valsesiano. All’Alpe Campo di Rimasco si organizzano anche corsi di cucina per permettere ai turisti di conoscere in prima persona tutti i prodotti che vi abbiamo raccontato.

Cosa ne pensate dell’Esperienza Valsesia? Noi vi aspettiamo!

Le Nostre StrarBOX

Le Nostre StrarBOX

Animali Al Pascolo alla Dorca

Animali Al Pascolo alla Dorca

Capuneit Valsesiani

Capuneit Valsesiani

Azienda Agricola Ceruti Lorenzo

Azienda Agricola Ceruti Lorenzo

Essiccatoio Mulino Mollia

Essiccatoio Mulino Mollia

Gipsoteca Della Vedova  - Rima

Gipsoteca Della Vedova - Rima

La Dorca

La Dorca

Macine Mulino - Mollia

Macine Mulino - Mollia

Madonna Del Sasso - Boccioleto

Madonna Del Sasso - Boccioleto

Museo Del Marmo Artificiale - Rima

Museo Del Marmo Artificiale - Rima


PittuPan

PittuPan

Polenta E Lardo

Polenta E Lardo

Rima

Rima

Sacro Monte Di Varallo

Sacro Monte Di Varallo

Sacro Monte Di Varallo

Sacro Monte Di Varallo

Segheria Rassa

Segheria Rassa

Segheria Rassa

Segheria Rassa

Segheria Rassa

Segheria Rassa

Sole Delle Alpi  Dorca

Sole Delle Alpi Dorca

Torre Gattinara

Torre Gattinara


Azienda Agricola Vaira

Azienda Agricola Vaira

Azienda Agricola Vaira

Azienda Agricola Vaira

Val Vogna

Val Vogna

Azienda Agricola Valmastallone

Azienda Agricola Valmastallone

Vigne Gattinara

Vigne Gattinara

Vista Castello Cervatto

Vista Castello Cervatto

Vista Dal Colle Del Badile   Carcoforo

Vista Dal Colle Del Badile Carcoforo

Zam Steg E Azienda Agricola Valmastallone

Zam Steg E Azienda Agricola Valmastallone

Bike Meggiana   Mera

Bike Meggiana Mera

Ciclabile da Balmuccia ad Alagna

Ciclabile da Balmuccia ad Alagna

Cooking Class

Cooking Class

Parapendio valsesia

Parapendio valsesia

Pesca in Valsesia

Pesca in Valsesia

Rafting in Valsesia

Rafting in Valsesia

Vista di Boccioleto Da Rossa

Vista di Boccioleto Da Rossa